Archivio

Archivio Gennaio 2006

VOLLEY – Distrazione fatale ma per l’Olimpia Vba nulla è perduto

25 Gennaio 2006 Commenti chiusi

VOLLEY

POTENTINO – VBA OLIMPIA SANT’ANTIOCO = 3 – 1 (18-25, 26-24, 25-17, 25-12)

DISTRAZIONE FATALE MA PER L’OLIMPIA VBA NULLA È PERDUTO

SANT’ANTIOCO. Si pensava sarebbe stata più fruttuosa la trasferta in terra marchigiana per l’Olimpia Vba che domenica sera è stata sconfitta dal Volley Potentino per tre set a uno. 25 a 18 il punteggio del pprimo set per la squadra sarda, poi i sulcitani hanno perso il secondo 24 a 26 ed i successivi 17 a 25 e 12 a 25.
“Abbiamo costruito un bellissimo primo set ed anche nel secondo abbiamo lottato punto a punto con i marchigiani - dice Pierpaolo Lai, direttore tecnico dei biancoblu – poi pian piano la squadra si è disunita. È mancata la concentrazione e la determinazione e loro ci hanno davvero fatto male senza che i ragazzi reagissero. Peccato, un’occasione perduta per mettere qualche punto in carniere ma in un campionato equilibrato ci sta. Loro sono comunque una bella squadra”.
Le disavventure per l’Olimpia non si limitano alla sola sconfitta, visto che, a causa di un malore dell?arbitro, l’incontro è cominciato con un’ora di ritardo e in seguito, a causa di lavori sull’Autostrada Roma-L’Aquila, i sulcitani hanno mancato l’aereo per il rientro e sono tornati lunedì sera.
Ora verrà la pausa di una settimana poi comincerà il girone di ritorno di questo campionato strano, nel quale si può vedere come ci sia un certo equilibrio, non c’è la squadra ammazza campionato, sono frequenti i risultati a sorpresa e la stessa Olimpia ha battuto l’ex capolista Bastia Umbra. Per questo, anzi a maggior ragione, è necessario che i ragazzi allenati da Giuseppe Lai affrontino il resto del campionato che ancora debbono disputare con grande concentrazione. Non sono permesse distrazioni per chi deve raccogliere almeno una ventina di punti prima di considerarsi effettivamente in salvo.
Probabilmente sulla partita hanno influito anche gli infortuni che hanno impedito ad alcuni atleti di allenarsi in modo continuativo. Però quello che è mancato soprattutto è stata la concentrazione. Sembrava che i ragazzi di Lai avessero trovato la chiave per uscire dal periodo nero che hanno attraversato a partire dal mese di novembre, ora bisognerà ricominciare a lavorare, il campionato comincia adesso per l’Olimpia Vba.

( Carlo Floris )
Tratto da LA NUOVA SARDEGNA del 24 Gennaio 2006

- LEGGI LE NEWS SPORTIVE
- DISCUTINE SUL FORUM SPORTIVO


Riferimenti: LA NUOVA SARDEGNA

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

CALCIO – Ennesima sconfitta per il Sant’Antioco di Graziano Milia

24 Gennaio 2006 16 commenti

CALCIO

SANT’ANTIOCO – DECIMOMANNU = 0 – 1

ENNESIMA SCONFITTA PER IL SANT’ANTIOCO DI GRAZIANO MILIA
Anche il Decimomannu espugna il Comunale

Nuova sconfitta per il Sant’Antioco targato Milia, l’ennesima per la squadra lagunare e per il suo tecnico che, da quando è arrivato sulla panchina antiochense in sostituzione dell’esonerato Congiu, ha ottenuto ben pochi risultati utili.
Questa volta a battere la compagine sulcitana è stato il Decimomannu allenato dal tecnico Cossu. Una squadra, quella di Decimo, sicuramente più esperta e meglio disposta in campo rispetto al Sant’Antioco. Gli ospiti, alla fine, hanno senz’altro meritato la vittoria, non fosse altro che per il fatto che il Sant’Antioco non ha mai dato l’impressione di poter davvero impensierire la squadra cagliaritana. Il Decimo, infatti, dopo essere passato in vantaggio grazie ad uno svarione difensivo del Sant’Antioco (l’ennesimo di questa stagione), ha controllato piuttosto agevolmente il risultato, anche quando si è ritrovato con un uomo in meno per l’espulsione del centrocampista Pirroni.
Graziano Milia doveva fare a meno, per questa importante partita, di due pedine fondamentali come Maurizio Fai e il capitano Sergio Piloni, entrambi indisponibili. E per una squadra con un organico alquanto mediocre la mancanza di due elementi così importanti è stato un grosso gap, che i sostituti non sono riusciti a colmare.
L’allenatore sulcitano schiera dal primo minuto l’ultimo arrivato in casa granata, il centrocampista centrale Paolo Deluna, mentre come terzino destro viene schierato Marco Sinzu, in un ruolo inedito per lui. Esordio dal primo minuto anche per il giovane Collu.
Arbitra la gara il signor Uda di Gonnesa.
I padroni di casa si schierano in campo con un inedito completo bianco e nero, completamente diverso rispetto al solito granata. E’ proprio il Sant’Antioco a partire bene e a farsi subito pericoloso con un bella conclusione di Giacomo Sanna, che si libera bene dei difensori e lascia partire un tiro dal limite dell’area sul quale il portiere ospite Sarigu si deve superare, riuscendo a mandare la palla in corner.
Questa resterà la sola conclusione nello specchio della porta del Sant’Antioco per tutta la partita.
Scampato il pericolo è il Decimomannu a cominciare a pressare e a tenere il pallino del gioco. La squadra ospite gioca meglio dei padroni di casa ma non riesce comunque a farsi pericolosa.
Ci pensa così il Sant’Antioco a farsi male con le proprie mani e a regalare la rete decisiva agli avversari. Su un innocuo calcio d’angolo battuto dal Decimo la difesa antiochense combina un disastro: Alessandro Mei cerca di liberare l’area invece colpisce la palla in modo sbilenco, la sfera inganna Cossu e si infila lentamente in rete.
Il Decimo esulta e ringrazia per il generoso regalo la retroguardia sulcitana. Per tutto il primo tempo non succede nient’altro, il Sant’Antioco cerca di attaccare ma le avanzate di Mereu e compagni vengono puntualmente stroncate sul nascere da centrocampo e difesa del Decimomannu. Fra gli ospiti giganteggia a centrocampo un ottimo Deiana.
Nella ripresa ci si aspetterebbe un Sant’Antioco più arrembante, proteso in avanti alla ricerca del pareggio. Ma così non sarà.
I ragazzi di Milia ci provano, ma senza risultati concreti. E’ così aancora il Decimomannu a farsi pericoloso in più occasioni e solo la mira sbagliata dell’attaccante Pilleri che grazia almeno due volte Cossu impedisce il raddoppio degli ospiti.
Così, a parte le clamorose occasioni sbagliate dal Decimo, le uniche emozioni della ripresa sono l’espulsione del giocatore ospite Pirroni per doppia ammonizione, dopo un fallo da dietro, e il gol annullato a Giacomo Sanna che mette dentro ma l’arbitro annulla perchè, su segnalazione del guardalinee, la palla aveva già oltrepassato la linea di fondo.
La gara finisce, dunque, con la vittoria del Decimomannu e col Sant’Antioco che deve fare i conti con l’ennesima prestazione negativa dei suoi giocatori.
Una prova assolutamente indecorosa quella dei ragazzi di Milia, che incassano la quarta sconfitta consecutiva e devono fare i conti con una classifica sempre più pericolosa. La squadra lagunare rimane così all’ultimo posto in classifica, in una posizione che significa retrocessione diretta. Oramai è sempre più probabile che la squadra sulcitana dovrà giocarsi l’ultimo posto disponibile per i play-out con il San Sperate, l’altra squadra del girone che, come il Sant’Antioco, è in netta crisi di gioco e risultati. Il San Sperate dista solo due punti dalla squadra antiochense e può ancora essere raggiunta e superata. Di certo se la squadra continua a giocare così sarà davvero difficle evitare la retrocessione diretta.
Se proprio vogliamo trovare delle note positive nella gara contro il Decimomannu possiamo senz’altro dire che proprio la prova di Sinzu schierato a destra in difesa ha convinto. Anche il giovane Collu, seppur in difficoltà, ha dimostrato soprattutto nel primo tempo di poter dare il suo contributo. Per il resto è stata la solita mediocre partita del Sant’Antioco da dimenticare.
Mister Milia deve assolutamente invertire questa tendenza. I risultati non arrivano e il gioco della squadra non si è mai visto.
Per quanto ancora la società avrà pazienza e gli concederà fiducia ?
Domenica prossima il Sant’Antioco è atteso da un’altra impegnativa prova sul campo del Muravera, che proprio in quest’ultima giornata ha surclassato la capolista Villasimius con un perentorio 4 a 2. Ma ormai la squadra lagunare non può più guardare che squadra ha di fronte e deve cercare di fare risultato contro chiunque, a prescindere.
Spesso il Sant’Antioco ha giocato meglio lontano dal Comunale. Speriamo dunque che porti un risultato positivo da Muravera.

SANT’ANTIOCO – DECIMOMANNU = 0 – 1
RETE – 21′ autogol

SANT’ANTIOCO
Formazione e Pagelle

COSSU 5
Mai sicuro, mai decisivo. Se non prende altri gol è solo perché i giocatori avversari lo graziano. Ormai ogni conclusione diventa pericolosa, anche la più banale. Sul gol del Decimo gioca a fare la bella statuina.

SINZU 6,5
Finalmente ha trovato il suo ruolo: terzino. Non ha né il passo né la posizione né la visione di gioco per giocare a centrocampo. Da terzino invece offre una prova senza dubbio positiva, probabilmente la prima della stagione. Avrebbe fatto comodo in altre gare in cui sono stati schierati altri giocatori assolutamente improponibili. Da riproporre.

PORCU 4
Un pericolo pubblico. Sbaglia tutto quello che c’è da sbagliare e lascia ampie praterie ai giocatori del Decimo. Perché continuano a metterlo in campo ? (st Pusceddu sv)

MEI 6
È l’autore dello sfortunato autogol decisivo. Eppure è anche l’unico che in difesa tiene sù la baracca. Deve sempre coprire i buchi e gli errori di Porcu e Diana: non è facile giocare così!

DIANA 4
Come Porcu è davvero improponibile. Regala palloni agli avversari e concede ampia libertà al giocatore che dovrebbe marcare. Per non parlare di quando vuole rilanciare l’azione. Un disastro. Per fortuna Milia lo leva a inizio ripresa.
(st Pintus 5 – Per giocare così avrebbe fatto meglio a stare seduto in panchina. Fuori condizione.)

SODI 6
La grinta non gli manca, ma con certi giocatori (come Deiana del Decimo) non basta. Finché si tratta di distruggere l’azione o far falli va bene, ma per favore non chiedetegli qualcosa in più, non è certo un regista.

DELUNA 5,5
È l’ultimo arrivato. Si vede che può fare molto di più ma le gambe ancora non rispondono. È però l’unico che tenta di giocare la palla. Quando sarà in condizione potrà essere utile…sperando che non sia troppo tardi!

MEREU 5
Sta giocando con la pubalgia…e si vede. Nessuno spunto dei suoi, nemmeno una discesa. Non è servito quasi mai dai compagni, ma nemmeno si propone.

COLLU 5,5
Paga forse l’emozione dell’esordio dal primo minuto. Però, soprattutto nel primo tempo, non dispiace. Contrasta e si propone. Cala nella ripresa. Probabilmente è lui il giovane da mettere in campo, molto meglio di elementi come Pau, Fenu e Pusceddu.

SANNA 5,5
Comincia bene con un tiro che quasi sorprende il portiere del Decimo. Poi si spegne ben controllato dai difensori ospiti. Deve fare di più.

SERRA 5
90 minuti, mai pericoloso. Quando riceve la palla torna sempre indietro con appoggi inutili. Probabilmente non era lui l’attaccante che serviva a questa squadra.

ALLENATORE – MILIA 4
Se lui era l’allenatore che doveva cambiare il volto a questa squadra fino ad ora ha completamente fallito.

- LEGGI LE NEWS SPORTIVE
- DISCUTINE SUL FORUM SPORTIVO

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

CALCIO A 5 – Il Carbonia ripiomba in zona pericolosa

24 Gennaio 2006 Commenti chiusi

CALCIO A 5

SPORTING LANUSEI – MEDITERRANEA CARBONIA = 5 – 4

IL CARBONIA RIPIOMBA IN ZONA PERICOLOSA
Al Lanusei lo scontro salvezza

Il Lanusei del “bomber” Giuseppe Fa, vince di misura lo scontro salvezza contro il Carbonia: 5-4 per gli ogliastrini che rientrano alla grande in corsa per la salvezza.
Partita molto divertente al Palalixus di Lanusei per lo scontro fra Sporting Lanusei e Mediterranea Carbonia. Le due squadre si affrontano a viso aperto per l’alto valore dei 3 punti in palio, utili per la questione salvezza. Il Lanusei sembra più in partita e approfitta subito delle disattenzioni ospiti, infatti è Filippo Mulas che appostato al secondo palo raccoglie un passaggio filtrante e insacca per l’1 a 0. Non passano neanche 3 minuti che Fa con un gran tiro dalla destra batte Perdighe: 2-0. La Mediterranea si sveglia, e aumentando il pressing, recupera un pallone in aria avversaria consente a Mario Mulas di effettuare un tiro potente che non lascia scampo a Donatello Rabissoni. I minerari a questo punto arrivano molto spesso al tiro e Siddi in due occasioni viene bloccato dall’ottimo Rabissoni. Ma alla terza occasione Siddi non sbaglia e riporta in parità il risultato: 2-2. Lo Sporting Lanusei si fa minaccioso con Fa ma è bravo Perdighe a controllare. Al 27° tiro libero per gli ospiti, batte Pinna ma Rabissoni è attento e para senza troppe difficoltà.
Nel secondo tempo la Mediterranea è più incisiva e inizia ad imporre il suo gioco, è Palermo che al 5° porta in vantaggio i ragazzi del Presidente Di Franco. Il Lanusei non sta a guardare ed è pericoloso con Mulas e Vacca che però non centrano la porta. Al 13° arriva il gol del 2-4, lo realizza Cherchi che su punizione fa partire un gran tiro su cui nulla può Rabissoni. Il gol sembra svegliare il Lanusei che non perde le speranze ed inizia ad arrivare più frequentemente nella zona di Perdighe, infatti al 20° Mauro Mulas accorcia le distanze. Cerca di rispondere Siddi che però colpisce il palo e a Vinci non riesce la deviazione vincente. Con un’azione in velocità Mauro Mulas (Lanusei) in area di rigore viene atterrato da Mario Mulas (Carbonia) per l’arbitro è rigore. Calcia lo stesso Mauro Mulas ed è 4-4. Il nervosismo della Mediterranea porta al 5 a 4 i padroni di casa: autore il “bomber” Giuseppe Fa che batte Perdighe per la seconda volta. Negli ultimi minuti occasione per il pareggio con Siddi ma Vacca in scivolata salva un gol già fatto. La Mediterranea così si fa raggiungere in classifica dal Cagliari 2000, mentre il Lanusei invece inizia ad intravedere la salvezza. Pausa del campionato e tempo per le squadre di ricaricare le forze per il girone di ritorno.

SPORTING LANUSEI – CARBONIA = 5 – 4 (2-2)

SPORTING LANUSEI: Rabissoni Donatello, Pistis, Fa, Usai, Vacca, Loddo, Cau, Rabissoni Manuel, Panzi, Mulas Mauro, Mulas Filippo, Ibba. ALL. Pistis

MEDITERRANEA CARBONIA: Perdighe, Canu, Siddi, Murgia, Pinna, Demi, Palermo, Vinci, Fenu, Cossu, Mulas Mario, Cerchi; ALL. Pinna, Tatti

RETI:
nel 1° tempo:
6° Filippo Mulas (L), 9° Fa (L), 15° Mario Mulas (M), 22° Siddi (M)
nel 2° tempo: 5° Palermo (M), 13° Cherchi (M), 20° Mauro Mulas (L), 23° rigore Mauro Mulas (L), 28° Fa (L)

Tratto da SARDINIAFUTSAL.IT

- LEGGI LE NEWS SPORTIVE
- DISCUTINE SUL FORUM SPORTIVO

Riferimenti: SARDINIAFUTSAL

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

ALTRI SPORT – I risultati

23 Gennaio 2006 Commenti chiusi

ALTRI SPORT

I RISULTATI

CALCIO A 5

SERIE C1
Sporting Lanusei – MEDITERRANEA CARBONIA = 5 – 4

CLASSIFICA
Karalis – 31
Elmas – 28
Audax Sanluri – 27
Alexander Villasor – 25
Alguer – 22
Teleco – 21
Atl.Trexenta – 20
Sa Ruxi Sarroch – 19
MEDITERRANEA CARBONIA, Cagliari 2000, Quart. Marina – 15
Farcana – 12
Sporting Lanusei – 11
Loceri – 1

SERIE C2 – Girone B
Bianco e Nero – SAN PIO X IGLESIAS = non disputata
Tiedo Assemini – SPORTING CALASETTA = 6 – 1

CLASSIFICA
Ro.Me.Sestu – 28
Tiedo Assemini – 24
San Mauro Monserrato – 23
Bianco e Nero – 19
SPORTING CALASETTA, Club San Paolo – 18
Sinnai – 13
Mediterranea Cagliari, Valle del Pardu – 9
Domusdemaria, S.G.Flumini – 7
SAN PIO X IGLESIAS - 6

SERIE D – Girone B
IL CAMPIONATO HA OSSERVATO
UN TURNO DI RIPOSO

CLASSIFICA
SANT’ANTIOCO - 13
Decimomannu – 12
Villacidrese, C’è Chi Ciak Serramanna – 10
PALMARI IGLESIAS, Campidania S.Gavino – 6
Serrenti – 2
Circolo Sportivo Serrenti – 0
Alexander Villasor – 6* (*fuori classifica)

CALCIO FEMMINILE

SERIE B – Girone B
IL CAMPIONATO HA OSSERVATO
UN TURNO DI RIPOSO

CLASSIFICA
Aurora Bergamo – 25
Mozzanica – 19
Scledum 93 – 18
Vintl – 16
Real Vicenza – 13
Clarentia, Vicenza Calcio – 10
Montale 2000 – 7
Fortitudo M. – 6
Il Cervo – 5
SULCIS S.ANNA ARRESI - 4

SERIE C
IL CAMPIONATO HA OSSERVATO
UN TURNO DI RIPOSO

CLASSIFICA
Gruppo A – 29
CARBONIA, Azzurra 2001 – 28
Porto Torres – 22
Ogliastra, Villasor – 14
Assemini 2000, Serrenti – 13
Macopsissa – 7
Serdiana – 4
Chicas Laconi – 1

VOLLEY

SERIE B1
Potentino – VBA OLIMPIA SANT’ANTIOCO = 3 – 1

CLASSIFICA
Perugia, Ostia – 28
Meridiana Olbia, Bastia Umbra- 27
Fabriano – 23
Orte – 22
Falconara – 21
VBA OLIMPIA SANT’ANTIOCO - 20
Potentino – 18
Grottazzolina – 17
Castelfidardo – 16
Sinis Arborea – 13
Terni – 12
Arcosiana Uta – 3

SERIE C
CALASETTA - Solitari Olbia = 3 – 0
SULCIGRAF CORTOGHIANA - Solo Volley = 3 – 2

CLASSIFICA
Serramanna – 37
Monastir Kosmoto – 34
Galmarket Isa Arzachena – 33
Eurospin Alghero – 25
CALASETTA, Edilcinque Ittiri – 22
Stella Azzurra – 19
Solitari Olbia – 18
Audax Quartucciu, Quartucciu Ncl – 17
NUXIS, SULCIGRAF CORTOGHIANA - 11
Macomer – 10
Solo Volley – 9
Arborea – 3

SERIE C FEMMINILE
SANT’ANDREA GONNESA - Pgs S.Paolo = 0 – 3

CLASSIFICA
Porto Cervo Marina – 38
Pgs S.Paolo – 33
Aurora 2e24 – 30
Kolbe – 27
Aquila – 25
Eurocarni Serramanna – 22
Accadue Deledda – 19
Delta Coop – 18
SANT’ANDREA GONNESA - 16
San Giuseppe – 15
Ariete Oristano – 14
Erreceramica Sassari 2001 – 9
Monte Linas – 7
Airone Tortolì – -3

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

CALCIO – Tutti i risultati

23 Gennaio 2006 Commenti chiusi

CALCIO

TUTTI I RISULTATI
Grande vittoria del MONTEPONI IGLESIAS contro il Samassi nell’Eccellenza Regionale con le reti di Pibiri e Trogu: ora la salvezza è più vicina.
Giornata nera in Promozione. Perde il CARBONIA a Quartu ed ora deve lottare per raggiungere il play-off. Solita batosta per il SANT’ANTIOCO, ormai tristemente ultimo in classifica e che si giocherà l’accesso all’ultimo posto nei play-out contro il SAN SPERATE.
In Prima Categoria pareggia la FERMASSENTI e perde la testa della classifica a favore del Sanluri. Bene il CARLOFORTE che ormai lotta per la prima posizione insieme alle altre squadre di vertice. Notizie positive in chiave salvezza: vincono sia SAN GIOVANNI che SGUOTTI.
In Seconda bene GONNESA e SANTADI, sempre nelle posizioni alte, ma il Siliqua sembra irraggiungibile. Pari per IS URIGUS e CALCIO IGLESIAS. Sconfitte tutte le altre.
In Terza il BUGGERRU fa suo il big-match col TRATALIAS con un sonante 5 a 0 portandosi così in vetta.

ECCELLENZA REGIONALE
MONTEPONI IGLESIAS
- Samassi = 2 – 1

CLASSIFICA
Tempio – 46
Tortolì – 39
Tavolara – 38
Budoni – 34
Castelsardo – 27
San Teodoro – 25
Tharros, Taloro Gavoi, La Palma Alghero – 22
Samassi, Selargius – 20
Quartu 2000 – 19
MONTEPONI IGLESIAS - 18
Ghilarza – 16
Macomer – 13
Gialeto – 12

PROMOZIONE REGIONALE
Sant’Elena – CARBONIA = 2 – 0
SANT’ANTIOCO - Decimomannu = 0 – 1

CLASSIFICA
Villasimius – 39
Asseminese, Sinnai – 32
CARBONIA, Nuova Monreale, Sant’Elena – 30
Decimomannu, Muravera, Sarroch – 24
Guspini – 23
Pula, Gemini Pirri – 21
Mandas – 18
Villanovatulo – 16
San Sperate – 13
SANT’ANTIOCO - 11

PRIMA CATEGORIA Girone B
Decimoputzu – CARLOFORTE = 1 – 2
SGUOTTI - Orrolese = 2 – 1
Azzurra 88 – FERMASSENTI = 2 – 2
SAN GIOVANNI - Masullese = 2 – 0

CLASSIFICA
Sanluri – 38
FERMASSENTI, Arbus – 37
CARLOFORTE - 34
Senorbì – 30
Villacidro, Solarussa 95 – 29
Isili – 27
Arixi – 22
Decimoputzu – 19
Azzurra 88 – 18
SAN GIOVANNI, SGUOTTI, Orrolese, Serramanna – 15
Masullese – 14

SECONDA CATEGORIA Girone B
Villasor – ANTAS CLUB = 4 – 2
SANTADI - Assemini 80 = 1 – 0
Giesse Assemini – VILLAPERUCCIO = 2 – 1
GONNESA - Sardara 1983 = 1 – 0
Aurora – DOMUSNOVAS = 5 – 1
Pabillonis 97 – CALCIO IGLESIAS = 1 – 1
IS URIGUS - Golapini = 1 – 1
VILLAMASSARGIA - Siliqua = 1 – 4

CLASSIFICA
Siliqua – 43
GONNESA - 37
Sardara 83 – 35
SANTADI - 30
Assemini 80, Villasor – 29
CALCIO IGLESIAS - 28
VILLAPERUCCIO - 27
IS URIGUS - 26
Pabillonis 97, Giesse Assemini – 23
Golapini, Aurora – 21
VILLAMASSARGIA - 16
DOMUSNOVAS - 11
ANTAS CLUB - 2

TERZA CATEGORIA Girone E
Atl. Cortoghiana – Terresoli = 2 – 1
Barbusi – Nebidese = 0 – 2
Bindua – Musei = 0 – 3
Buggerru – Tratalias = 5 – 0
Nuovo Tegula Teulada – Cortoghiana = 1 – 3
Portoscuso – Calasetta = 4 – 0
Serbariu – M.Cullurgioni Giba = 2 – 0

CLASSIFICA
Buggerru – 34
Tratalias – 33
Portoscuso – 32
Musei – 30
Serbariu – 28
Terresoli – 27
Atl. Cortoghiana – 23
M.Cullurgioni Giba – 14
Nebidese – 12
Nuovo Tegula Teulada, Bindua – 11
Cortoghiana 2005 – 9
Calasetta – 7
Barbusi – 2

Riferimenti: FORUM SPORTIVO

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

EDITORIALE – Il calcio dei poveri

21 Gennaio 2006 Commenti chiusi

EDITORIALE

IL CALCIO DEI POVERI

Ogni anno la storia è la stessa: squadre che si arrabattano per sopravvivere!
Questa è, da anni, la situazione del calcio nel Sulcis Iglesiente.
Più o meno il quadro è sempre identico. La maggior parte delle società deve lottare per andare avanti, per cercare di regalarsi un altro anno di vita.
Le formazioni dei campionati più importanti, che tuttavia non vanno ormai da tempo al di là dell’Eccellenza (quando va bene) ma molto più spesso della Promozione, di solito devono sperare di non retrocedere e, soprattutto, di evitare il fallimento.
Poi, ogni stagione, c’è sempre una squadra che riesce a concentrare attenzioni e denaro, di solito perché qualche “elemento un pò più facoltoso” decide di spendere un pò di soldi nel calcio. Quest’anno pare che la squadra “prescelta” sia il Carbonia. In genere si tratta di meteore che durano un anno, poi ritornano nell’anonimato rendendosi conto di aver fatto il passo più lungo della gamba. Naturalmente ci auguriamo che non sia il caso del Carbonia. Ma, per stare agli ultimi anni, pensate al San Giovanni dello scorso anno o allo stesso Carbonia del presidente Palermo, giunto con tanti progetti e scappato alla velocità della luce. Ma di esempi ce ne sono tanti, basta tornare indietro nel tempo.
Più la categoria scende e più troviamo piccole società fatte di tanta passione e pochi quattrini. Società che tentano di venir fuori dai bassi fondi, società che si accontentano, società che lo fanno solo per divertimento, società che nascono e dopo poco muoiono.
Ci sono annate che vanno bene e annate che vanno male. Questo, fatti gli opportuni scongiuri, può essere l’anno di Carbonia e Fermassenti.
Questo è il calcio in un territorio in crisi come il nostro.
Molti giocatori sanno come vanno le cose e cercano di racimolare un pò di soldi saltando da una società all’altra. Molti altri si compiacciono solo nel giocare, spinti da una enorme passione. I più giovani sognano un futuro da star.
Eppure alla fine ci domandiamo perché nel Sulcis Iglesiente ci dobbiamo accontentare di una Eccellenza o di una Promozione mentre nelle altre zone della Sardegna le ambizioni sono più alte.
Certo, i soldi sono di più, ma probabilmente le squadre sono anche maggiormente aiutate e sostenute.
Così, alla fine, ci chiediamo: quando rivedremo una squadra del Sulcis Iglesiente in un campionato nazionale ?

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

CALCIO – Tabellini dell’ultima giornata, Bomber e Top 11

20 Gennaio 2006 Commenti chiusi

CALCIO

TABELLINI DELL’ULTIMA GIORNATA, BOMBER E TOP 11

I TABELLINI DELLA 17a GIORNATA

PRIMA CATEGORIA – Girone B

CARLOFORTE – Serramanna = 5 – 0
RETI -
33′ Napoli F., 41′ Biggio, 76′ Comparetti M.(r), 79′ Comparetti M., 92′ Napoli F.
CARLOFORTE. Pisano, Ferrara, Vinci, Comparetti A., Napoli F., Gattuso (Rivano), Trullu, Cimmino (Peloso), Pala, Comparetti M., Biggio (Uras)

FERMASSENTI – Decimoputzu = 1 – 0
RETE -
53′ Ghisu
FERMASSENTI. Boi, Mei, Melis V. (Valluzzi), Melis D., Carrus (Spada), Melis N., Anedda, Ghisu (Carboni), Napoli, Fallico C.

Isili – SGUOTTI = 1 – 1
RETE -
46′ Serra D.
SGUOTTI. Cabras, Tronci, Serra D., Diana A. (Mannai), Cadoni, Valentino (Porcu), Manca, Maccioni, Perseo, Frau S., Matta

Orrolese – SAN GIOVANNI = 0 – 0
SAN GIOVANNI.
Cocco, Calaresu, Manca (Uras), Ollargiu, Badalamenti, Lilliu (Portas), Sairu, Ghisu, Cani, Cicilloni, Sanna

CLASSIFICA
FERMASSENTI - 36
Sanluri – 35
Arbus – 34
CARLOFORTE - 31
Solarussa 95, Villacidro – 29
Senorbì, Isili – 27
Decimoputzu, Arixi – 19
Azzurra 88 – 17
Orrolese, Serramanna – 15
Masullese – 14
SAN GIOVANNI, SGUOTTI - 12

SECONDA CATEGORIA Girone B

ANTAS CLUB – SANTADI = 2 – 6
RETI -
6′ Autogol (S), 23′ Scano (S), 42′ Di Palma (AC), 44′ Scano (S), 60′ Siddi (S), 64′ Soddu (AC), 74′ Atzori (S), 85′ Impera (S)
ANTAS CLUB. Schirru, Corda, Soddu, Mura, Mereu (Barranca), Farci, Pipia, Piras, Demuru, Pinna, Di Palma
SANTADI. Basciu, Arceri, Scano, Atzeni (Pala), Murroni, Impera, Piredda, Carvone (Melis), Atzori, Siddi, Chia (Uccheddu)

CALCIO IGLESIAS ? GS Assemini = 0 ? 0
CALCIO IGLESIAS.
Pisu, Mancosu (Melis), Dessì, Fiori (Catalano), Tatti, Stocchino (Tocco), Pani, Farci, Pascai, Aramu, Porcu

DOMUSNOVAS ? Pabillonis = 0 ? 0
DOMUSNOVAS.
Guaita, Pintus, Delizia, Vacca, Etzi, Villasanta, Peddis, Cabitza (Melis), Gaviano, Saba, Piras (Atzei)

Golapini ? VILLAMASSARGIA = 0 ? 1
VILLAMASSARGIA.
Cocco, Mereu, Congiu, Tronci, Cogoni (Pili M.), Ansaldi (Porru), Caredda, Ollosu, Pinna, Perra, Canè (Pili F.)

Sardara 83 ? IS URIGUS = 0 ? 0
IS URIGUS.
Locci V., Dessì, Maccioni, Madeddu, Cinus, Locci A., Ariu, Piredda, Giordi R., Nonnis, Ziranu

VILLAPERUCCIO ? GONNESA = 0 ? 0
VILLAPERUCCIO.
Cara, Bardi L., Frongia, Usai, Murgia, Vincis, Serpi, Fadda Mich., Ghisu, Pau (Bardi F.), Fadda Matt. (Melis)
GONNESA. Piroddi, Mascia, Lenzu, Frau (Pateri), Ghisu (Sirigu), Melis, Podda, Murenu, Diana, Deidda (Saba), Friargiu

CLASSIFICA
Siliqua – 40
Sardara 83 – 35
GONNESA - 31
Assemini 80 – 29
CALCIO IGLESIAS, SANTADI, VILLAPERUCCIO - 27
Villasor – 26
IS URIGUS - 25
Pabillonis 97 – 22
Giesse Assemini, Golapini – 20
Aurora – 18
VILLAMASSARGIA - 16
DOMUSNOVAS - 11
ANTAS CLUB - 2

TERZA CATEGORIA Girone E
Barbusi – Tratalias = 1 – 4
Bindua – Nebidese = 0 – 1
Buggerru – M.Cullurgioni Giba = 3 – 0
Cortoghiana 2005 – Calasetta = 1 – 2
Nuovo Tegula Teulada – Atl. Cortoghiana = 0 – 1
Portoscuso – Musei = 3 – 1
Serbariu – Terresoli = 3 – 1

CLASSIFICA
Tratalias – 33
Buggerru – 31
Portoscuso – 29
Musei, Terresoli – 27
Serbariu – 25
Atl. Cortoghiana – 20
M.Cullurgioni Giba – 14
Nuovo Tegula Teulada, Bindua – 11
Nebidese – 9
Calasetta – 7
Cortoghiana 2005 – 6
Barbusi – 2

BOMBER DEL SULCIS IGLESIENTE
Tore Napoli si conferma in vetta, seguito dal duo Piredda e Ghisu.
Nell’ultima giornata si fanno avanti due bomber di razza come Mileddu del Carbonia, che rifila due reti al Muravera, e Massimo Comparetti, che ne fa due al Serramanna.
Questa la classifica dopo 17 giornate:

18 RETI – S.Napoli (Fermassenti)
15 RETI – Piredda (Is Urigus), Ghisu (Villaperuccio)
10 RETI – Floris (Monteponi Iglesias), Atzori (Santadi)
9 RETI – Mileddu (Carbonia), Comparetti M. (Carloforte)
8 RETI – Piloni (Sant’Antioco), Ghisu (Fermassenti), Caddeo L. (Santadi), Pascai (Calcio Iglesias)
7 RETI – Floris (Carbonia)

I TOP 11 DELLA 17a GIORNATA

COCCO – Villamassargia
SCANO – Santadi
SERRA D. – Sguotti
MELIS D. – Fermassenti
NAPOLI F. – Carloforte
IMPERA – Santadi
PIREDDA – Santadi
TRONCI – Villamassargia
GHISU – Fermassenti
MILEDDU – Carbonia
COMPARETTI M. – Carloforte

ALLENATORE – Atzori (Villamassargia)

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

CALCIO A 5 – Il Carbonia si aggiudica lo scontro salvezza contro il Cagliari2000

18 Gennaio 2006 Commenti chiusi

CALCIO A 5

MEDITERRANEA CARBONIA -CAGLIARI 2000 = 3 – 1

IL CARBONIA SI AGGIUDICA LO SCONTRO SALVEZZA CONTRO IL CAGLIARI 2000

Il Carbonia trascinato dal solito Andrea Siddi, si aggiudica lo scontro salvezza contro il Cagliari 2000: 3-1 per i minerari e cagliaritani alla loro quinta sconfitta consecutiva.
Partita interessante quella in scena al campo di Via Balilla a Carbonia, tra la Mediterranea e il Cagliari 2000, squadre che si ritrovano in zona critica appaiate in classifica a 12 punti. Il Cagliari 2000 si presenta allo scontro diretto con due assenze importanti, Ivan Paderi fuori causa già da 7 partite e di Luca Spano appiedato dal Giudice Sportivo.
La partita si mette subito in salita per i locali, che al 2° minuto si fanno trovare impreparati: è Loddo, appostato dentro l’area ad approfittarne e a portare il risultato sullo 0-1. I minerari non riescono ad imporre il proprio gioco ma altrettanto fa la squadra di Mister Pautasso che comunque si fa pericolosa con le incursioni di Cau e Solla. Al 15° arriva il gol dei padroni di casa con Palermo che calcia dalla trequarti trovando un disattento Marras che non riesce a trattenere il tiro: 1 a 1 e tutto da rifare per il Cagliari 2000. Il primo tempo termina così senza grandi emozioni.
Nella ripresa il ritmo aumenta e le due squadre si allungano, ciò permette rapidi rovesciamenti di fronte. Vanno vicini al gol Roberto Siddi e Schirru per gli ospiti, mentre la Mediterranea sfiora il vantaggio con Mulas che colpisce la traversa. Al 17° il Cagliari 2000 recrimina un calcio di rigore per atterramento in area di Floris, ma gli arbitri non vedono irregolarità. Al 20° il Carbonia va in vantaggio: Andrea Siddi parte in velocità dal centrocampo e spostandosi sulla sinistra riesce a battere Marras. Il Cagliari 2000 non ci sta e arriva davanti a Perdighe con Cau che a porta vuota calcia alto. Gli ospiti protestano per una “norma del vantaggio” non concessa dagli arbitri, vantaggio che, avrebbe dato un’ottima chance a G.Floris. La Mediterranea non si scopre e cerca di amministrare il risultato mentre i cagliaritani pressano e nei minuti finali utilizzano il portiere di movimento ma questo, non ha nessun effetto sul risultato. Prima del triplice fischio finale Siddi vince un contrasto e con un passaggio filtrante permette a Demi, a tu per tu con Marras, di siglare il 3 a 1. Nella prossima giornata per Mediterranea e Cagliari 2000 altri due scontri diretti rispettivamente contro Lanusei e Loceri.

MEDITERRANEA CARBONIA – CAGLIARI 2000 = 3 – 1 (1 – 1)

MEDITERRANEA CARBONIA: Serra, Floris,Andrea Siddi, Barroi, Pinna, Demi, Palermo, Vinci, Cossu, Mulas, Cherchi, Perdighe; ALL. Pinna, Tatti

CAGLIARI 2000: Maciocco, Lilliu, R. Siddi, Melis, Moi, Schirru, Solla, Olla, Cau, Loddo, G. Floris, Marras; ALL. Pautasso

ARBITRI: Schintu, Ruggiu

MARCATORI
nel 1° tempo: al 2° Loddo (C2000), 15° Palermo (Med);
nel 2° tempo: al 20° Siddi (Med), 29° Demi (Med).

Tratto da SARDINIAFUTSAL
www.sardiniafutsal.it

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

CALCIO – Goleada del Carbonia del Fele-bis

18 Gennaio 2006 Commenti chiusi

CALCIO

CARBONIA – MURAVERA = 5 – 2

GOLEADA DEL CARBONIA DEL FELE-BIS
Cinque reti al Muravera, ma il gioco ancora non convince

Il ritorno di Checco Fele sulla panchina del Carbonia è fortunato. La squadra ha vinto, ma il punteggio di 5 a 2 non deve ingannare, la partita è stata quasi sempre in bilico ed il Muravera, allenato da Roberto Plaisant, non ha per nulla demeritato al Comunale, dimostrandosi squadra ostica e mai doma.
Spendiamo però due parole sull’esonero di mister Titti Podda. L’allontanamento di Podda, come confermatoci dal presidente del sodalizio biancoblù, Mauro Barlini, pare sia dovuto a malumori all’interno dello spogliatoio che avrebbero influito sul rendimento della squadra e sugli ultimi risultati, in particolare nel pareggio col Sant’Antioco nel derby sulcitano e la sconfitta con la capolista Villassimius. Il ritorno di Fele, sempre secondo le parole del presidente Barlini “è motivato dal fatto che così come ero convinto della necessità del suo esonero alla seconda giornata, in questo momento sono altrettanto convinto che è l’unico allenatore in circolazione in grado di gestire questo gruppo e di condurci al raggiungimento degli obiettivi iniziali e cioè il salto di categoria anche tramite i play off”. Mister Fele ritorna così in panchina proprio contro quel Muravera che era stata l’ultima squadra affrontata dal tecnico prima del suo esonero ad inizio stagione.
E ritorno migliore non poteva esserci per il decano degli allenatori sulcitani, con una bella vittoria che sicuramente restituisce morale alla squadra e riaccende le speranze, mai sopite per la verità, di una promozione auspicata da tutti.
Il risultato della partita però è bugiardo, bisogna ammetterlo. Se la vittoria del Carbonia è meritata, di sicuro la goleada non rende merito ad un Muravera battagliero che ha dato del filo da torcere, e non poco, a Mileddu e compagni.
Questa volta il reparto avanzato del Carbonia ha davvero fatto la differenza, a dispetto delle solite, gravi, amnesie difensive. Attaccanti sugli scudi, dunque, con un Mileddu scatenato, un Cancedda in forma ed un Floris che finalmente ha tenuto fede alla sua fama, come mai era successo in questa stagione, realizzando una doppietta in pochi minuti, dopo essere subentrato al giovane Lebiu nella ripresa.
Ma veniamo alle reti della gara: a passare in vantaggio sono gli ospiti al 14′ con netto rigore concesso dall’arbitro Bassu di Cagliari per atterramento di Mulas travolto dal portiere minerario Berosi. A siglare dal dischetto è Onano, un giocatore davvero di un’altra categoria, che ha messo a ferro e fuoco praticamente da solo tutta la difesa del Carbonia per novanta minuti. La squadra sulcitana ha trovato il pareggio pochi minuti dopo, al 20′, grazie ad un perfetto stacco di testa di Michele Mileddu su corner dalla destra battuto da Fadda. Al 26′ Carbonia in vantaggio, a realizzare è il giovane Cossu, al primo gol stagionale, che su cross dalla sinistra ancora di Fadda infila il portiere ospite Floris con un bel diagonale. Il primo tempo si chiude sul 2 a 1. Nella ripresa ancora Mileddu, lasciando colpevolmente solo in area piccola, porta la squadra di casa sul 3 a 1 con un tiro imprendibile da pochi passi. Il Muravera non demorde e accorcia le distanze con un colpo di testa di Maccioni che approfitta di una uscita sbilenca di Berosi. Il Muravera continua a premere ma Fele azzecca la mossa giusta mettendo in campo Omar Floris al posto di uno spento Lebiu. L’attaccante di scorta del Carbonia, nei minuti finali, realizza le reti della sicurezza che chiudono la gara, prima con un tocco di punta da posizione angolatissima che si infila nell’incrocio opposto, gol da applausi, poi nel recupero sigla la sua doppietta personale con un colpo di testa da calcio d’angolo per il 5 a 2 finale.
La goleada, come detto, è stata punizione troppo esagerata per un Muravera che non è dispiaciuto, con un giocatore davvero imprendibile come Onano, che ha fatto impazzire la retroguardia sulcitana. Ma per il Carbonia l’importante era tornare a vincere e farlo con una vittoria così ampia aumenta di sicuro la fiducia dei giocatori nei propri mezzi.
Il Villasimius è ancora lontano, nove punti sono tanti, ma ora sta al Carbonia non deludere più. La squadra di Fele (che, onestamente, ha reso merito per questa vittoria al lavoro di mister Podda) non può più sbagliare se vuole mantenere stretto questo secondo posto e se vuole approfittare di ogni eventuale passo falso della capolista.
Il gioco non è ancora fluido, troppo spesso le squadre avversarie impongono il proprio gioco, e le situazioni critiche sono spesso risolte dalle giocate dei singoli. Mister Fele dovrà dare una fisionomia a questa squadra, che solo a tratti in questo campionato ha espresso il suo potenziale.
Una rimonta non è impossibile. Ma il Carbonia non può più sbagliare nulla.

CARBONIA – MURAVERA = 5 – 2
RETI -
14′ Onano (M, r), 20′ Mileddu (C), 26′ Cossu (C), 50′ Mileddu (C), 72′ Maccioni (M), 86′ Floris (C), 92′ Floris (C)

CARBONIA
Formazione e Pagelle

Berosi 5
Troppe incertezze. Non dà un senso di sicurezza alla squadra.

Capiali 5,5
Onano lo brucia più volte. Non è in forma e si vede.

Fadda 6
Più bravo a spingere che a difendere. L’incubo Sant’Antioco è passato ma lui non si è ancora ripreso del tutto.

Piras 5,5
Meno bene del solito. Questa volta è spesso in ritardo.

Mannu 5
Solita lumaca. Non capiamo perché va spesso a cercare fortuna in avanti lasciando scoperta la difesa. Onano lo umilia ogni volta che gli va vicino. Al Carbonia manca un forte marcatore, lui ormai è alla frutta.

Dentoni 6,5
Solito metronomo del centrocampo. Chiude gli spazi e fa ripartire l’azione. Tutti i palloni passano dai suoi piedi.

Piro 6
Non è Mura e si vede. Ma lotta e cerca di fare del suo meglio. Sufficiente.

Cossu 6
Segna un bel gol che dovrebbe caricarlo, invece si spegne e si innervosisce. Giusta la sostituzione.
(st – Ariu 4
Avrebbe fatto bene a star seduto in panchina.)

Lebiu 5
Non combina nulla di buono.
(st – Floris 8
Entra e segna due gol. Che volere di più? Che si sia finalmente svegliato?)

Cancedda 7
Solito peperino imprendibile. Gli manca solo il gol, che meriterebbe.
(st – Serra sv)

Mileddu 7,5
Due gol e tanta grinta. È il trascinatore.

ALL. FELE 6
La sufficienza è solo per il suo ritorno. Il 7 di questa vittoria sarebbe dovuto andare probabilmente a Podda.

- LEGGI LE NEWS SPORTIVE
- DISCUTINE SUL FORUM SPORTIVO

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

CALCIO – Sconfitta prevista del Sant’Antioco a Villasimius

17 Gennaio 2006 11 commenti

CALCIO

VILLASIMIUS – SANT’ANTIOCO = 1 – 0

SCONFITTA PREVISTA DEL SANT’ANTIOCO A VILLASIMIUS
La capolista troppo forte, ma i sulcitani recriminano su alcune decisioni arbitrali

Perde di misura il Sant’Antioco di Graziano Milia contro la capolista del girone, il forte Villasimius guidato in panchina da Beppe Martinez. La partita si è giocata sul campo neutro di Muravera ed è stata decisa da una prodezza dell’argentino Ramon Aiana, ex giocatore della Fiorentina e già giustiziere del Carbonia una settimana fa con una doppietta che è costata la panchina a Titti Podda.
Per i lagunari si tratta della terza sconfitta consecutiva che va a peggiorare una classifica già molto negativa. La prova degli antiochensi però non è da buttare, la squadra ha lottato e ha dimostrato, a dispetto delle ultime scadentissime prove con Villanovatulo e Asseminese, di poter ancora dire qualcosa nella corsa alla salvezza.
Graziano Milia decide di non schierare dall’inizio l’ultimo acquisto, il centrocampista Paolo Deluna (entrato solo per pochi minuti a fine gara), ma si affida alla solita formazione, col recupero dal primo minuto di Giacomo Sanna, in campo dopo un lungo infortunio, finalmente quindi un giovane all’altezza di giocare a questi livelli, dato che Sanna ha già alcuni anni di Promozione alle spalle. Pesante l’assenza di Maurizio Fai, di nuovo infortunato.
È il Villasimius che parte forte, deciso a chiudere subito la partita. Al primo minuto Aramu colpisce di testa su un calcio piazzato in area, ma il portiere antiochense Cossu para. La capolista ci riprova con Pilo, ancora di testa, ma la palla termina al lato.
Il Sant’Antioco si fa vivo dalle parti del portiere Pibiri intorno al ventesimo: Mereu batte un corner con la palla che arriva a Serra, il suo tiro al volo però termina fuori.
Poco prima della mezzora il Villasimius trova il gol che deciderà la gara. Aramu trova snarcato Ramon Aiana che dal limite dell’area lascia partire un bolide che termina in rete senza che Cossu possa farci nulla. Prima della fine del primo tempo da segnalare solo una conclusione dell’altro argentino Taricco, ex Premier League inglese, che termina sul fondo.
Nella ripresa è il Sant’Antioco che sembra più deciso e determinato, forse perché il Villasimius prende un pò sottogamba l’impegno nella convinzione di aver già chiuso la pratica. Dopo pochi minuti nella ripresa occasione per i sulcitani, Serra conclude verso la porta di Pibiri che para in due tempi e anticipa Piloni che si stava avventando sul pallone. Poco dopo è ancora l’estremo difensore di casa a bloccare la conclusione di un pimpante Serra.
Si rivede anche il Villasimius con un colpo di testa di Aramu parato da Cossu. Sul capovolgimento di fronte Piloni avrebbe la palla del pareggio ma sbaglia da buona posizione. Ancora Serra si fa pericoloso al 23′ ma Pibiri dimostra di essere in giornata e para ancora. Subito dopo gli antiochensi reclamano un rigore per un presunto fallo di mano in area di Congera, ma il direttore di gara lascia correre. Intorno alla mezzora della ripresa il Villasimius potrebbe raddoppiare ma prima Alberto Meloni esalta Cossu, poi sulla respinta Gianluca Meloni calcia fuori. Al 37′ lo stesso Alberto Meloni coglie in pieno la traversa e nei minuti finali Cossu si mette in evidenza su una bella punizione di Congera.
A fine gara Martinez recrimina per le palle gol sbagliate dai suoi e fa giustamente i complimenti alla squadra lagunare. Graziano Milia invece si lamenta per due presunti rigori non concessi alla sua squadra e si dice però soddisfatto della buona prova offerta dai suoi giocatori.
Di certo il Sant’Antioco visto contro il Villasimius è apparso, nonostante la sconfitta, lontano parente di quello visto nelle ultime prestazioni. Un pareggio non avrebbe fatto gridare allo scandalo, anche se il Villasimius è apparsa squadra forte, rocciosa e disposta in campo in maniera ottimale. Al Sant’Antioco questa volta è mancata un pò di fortuna nelle conclusioni, ma la squadra ha disputato una buona gara, grintosa e attenta, nonostante le solite pecche difensive.
Da quanto visto a Villasimius di sicuro la compagine antiochense può ancora lottare per raggiungere la salvezza. Adesso l’obiettivo principale deve essere abbandonare l’ultima posizione che significa retrocessione diretta. Il San Sperate è a due soli punti dai lagunari e può essere raggiunto e superato.
Domenica, dopo ben quattro gare (compreso il recupero col Villanovatulo), la squadra sulcitana tornerà a giocare in casa. A far visita ai lagunari sarà il Decimomannu. La partita non è fuori dalla portata degli antiochensi, anche se bisogna dire che spesso il Sant’Antioco ha fatto quest’anno meglio lontano dalle mura amiche mentre al Comunale ha sempre stentato e non ha mai vinto una gara.
Speriamo questa sia la volta buona, anche perché non fare risultato (tre punti, uno serve a poco!) col Decimomannu significherebbe compromettere ancor di più una classifica già disastrosa, soprattutto perché le altre squadre non staranno certo ad aspettare la squadra di Milia.
E anche il tecnico antiochense deve cominciare a dimostrare di aver cambiato qualcosa. Fino ad ora non si è visto nulla.

VILLASIMIUS – SANT’ANTIOCO = 1 – 0
RETE -
29′ Aiana

SANT’ANTIOCO
Formazione e Pagelle

Cossu 6,5
Meli 5,5 (st Pusceddu 4 )
Mocci 6 (st Fenu 4 )
Mei 6
Diana 5,5
Sodi 6,5 (st Deluna sv)
Mereu 6,5
Pau 4,5
Piloni 6,5
Serra 6,5
Sanna 5,5

ALL. Milia 5,5

- LEGGI LE NEWS SPORTIVE
- DISCUTINE SUL FORUM SPORTIVO

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,